American Beauty

American Beauty, 1999 Drammatico, regia di Sam Menders, soggetto Alan Ball

Kevin Spacey è Lester, un quarantenne  con un lavoro monotono ed una moglie, Carolyn, ambiziosa e materialista. Hanno una figlia di 16 anni, Jane. Nella casa accanto si trasferisce la famiglia Burnham, un colonnello dei marines in pensione con una moglie con disturbi mentali ed un figlio, Ricky, spacciatore di droga all’insaputa del padre intransigente, che con i ricavi della droga acquista una videocamera con cui riprende praticamente ogni cosa.

Lester, andato a vedere un esibizione della figlia cheerleader, si infatua dell’amica di Jane, Angela, che appare spesso nei suoi sogni accompagnata da petali di rose. Carolyn invece, inizia una relazione con un collega rivale Buddy.

L’incontro di Lester con Ricky causa nel protagonista un risveglio verso l’apatica vita in cui era immerso, arrivando a ricattare il suo capo e a lasciare il lavoro per uno con poche responsabilità in un fast food (proprio qui scopre la relazione della moglie). Compra la macchina dei suoi sogni e modella il suo fisico con i pesi.

Ricky diventa il fornitore di droga di Lester e il fidanzato di Jane, mentre Angela si diverte a flirtare con Lester.

Il padre di Ricky, sospettoso dei rapporti del figlio con Lester, perquisisce la sua camera e trova dei video dove Lester si allena e inizia a credere che tra il vicino e lui ci sia un rapporto omosessuale. Franck osserva il figlio e Lester dalla finestra ed erroneamente ne fraintende i movimenti. Picchia il figlio che, per far arrabbiare ancora di più il padre, mente ammettendo la propria omosessualità. Ricky chiede a Jane di seguirlo a New York visto che ormai possiede oltre 40.000 dollari guadagnati con lo spaccio, mentre Angela, ormai innamorata di Lester, lo bacia e lo provoca, finendo poi per dichiararsi vergine e provocando nell’uomo un blocco che frena il suo desiderio. Angela va in bagno per lavarsi il viso rigato dalle lacrime, Ricky e Jane fantasticano sul viaggio, Lester osserva una vecchia foto della sua famiglia mentre Carolyn, ormai abbandonata dall’amante, procede in lacrime con una pistola verso casa sua. Parte un colpo, Lester giace morto sul tavolo. Ad averlo ucciso però è Frank, il vicino.

Un film sulla ricerca della bellezza, bellezza  rappresentata da rose costantemente riproposte  nel film. (Carolyn coltiva rose perfette, la figura di Angela è accompagnata nell’mmaginazione di Lester da petali di rose, sulla tavola ci sono vasi di rose…)

La ricerca della bellezza fisica, (la giovane Angela, gli allenamenti di Lester che lo portano ad una miglioria estetica…)

La bellezza del vivere, (Lester abbandona il suo lavoro per fare qualcosa con meno responsabilità, compra l’auto dei suoi sogni, fuma droghe, riascolta la musica che gli piace e non da più molto peso a ciò che è semplicemente materiale)

la bellezza della vita, quando Lester muore e si “stacca” lentamente dalla sua esistenza.

Il film trasmette già dai primi minuti un senso di prigionia in cui è costretto Lester, confinato in un quartiere di abitanti di mentalità borghese, sposato ad una donna arrivista e materialista con cui non condivide più nessun tipo di attività di coppia… Si va verso la liberazione del personaggio principale che culmina con la sua morte, come se fosse finalmente e definitivamente libero. Rimane solo la bellezza anche quando Lester muore sul tavolo pieno di sangue, Ricky lo guarda spegnersi e vede in lui un sorriso di liberazione, sorride anche lui perchè ci vede nuovamente la bellezza riflessa (come quando racconta di aver visto morire di freddo una senzatetto). nessuno urla per la stanza, nessuno piange. L’unica scena in cui traspare la realtà del fatto è in Angela che piange pentita di ciò che stava per fare.

Lester ricorda tutte le belle esperienze vissute, e come nonostante la morte «è difficile restare arrabbiati quando c’è tanta bellezza nel mondo». Quindi, nonostante sia stato vittima di tradimenti, della gente che non si ricordava di lui, dal non essere considerato nel lavoro ma soprattutto per come il vicino l’abbia ucciso nonostante lui sia assolutamente innocente, rimane comunque sempre radioso e incapace di odiare. Il male (rappresentato da un ex marines bigotto e intollerante,) alla fine distrugge la bellezza del vivere e della ricerca della propria felicità.

per vedere il film:

http://www.megavideo.com/?v=ZBCNDKU5

Annunci

~ di andreamk78 su agosto 22, 2011.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: